Assessorato Attività Produttive - Avviso

Avviso

Denuncia fiscale per la vendita degli alcolici

Come previsto dal comma 1 dell'art. 13 bis del D.L. n. 34/2019 (Decreto crescita), convertito, con modificazioni, dalla Legge 28 giugno 2019 n. 58, è stata reintrodotta l'obbligatorietà, per gli esercizi commerciali, della denuncia fiscale per la vendita degli alcolici. Viene, pertanto, ripristinata, a decorrere dal 30 giugno 2019 - data di entrata in vigore della legge – l'obbligatorietà della denuncia fiscale per gli esercizi pubblici, gli esercizi di intrattenimento pubblico e gli esercizi ricettivi.
In caso di vendita di alcolici, quindi, per gli esercizi di vendita (anche per mezzo di apparecchi automatici), per la somministrazione di alimenti e bevande (anche con carattere temporaneo), per le strutture ricettive, deve essere allegata al corrispondente modulo, la comunicazione, avente valore di denuncia per la vendita di alcolici (D.Lgs. n. 504/1995). In attuazione del suddetto dettato normativo, la Conferenza Unificata Stato, Regioni, Enti locali, con l'Accordo del 25 luglio 2019, ha approvato la modifica al Quadro riepilogativo della documentazione allegata per la modulistica relativa alle attività che prevedono vendita e somministrazione di alcolici. A tal fine dovranno compilare e inviare l’apposito modello reperibile sul sito dell’Agenzia delle Dogane (www.adm.gov.it - Dogane - In un click – Accise – Modulistica).
Ciò vale anche per quegli esercenti che, avendo effettuato la comunicazione preventiva al SUAP in data anteriore al 29 agosto 2017, non abbiano completato il procedimento tributario di rilascio della licenza per l’intervenuta soppressione dell’obbligo di denuncia. Invece, gli operatori che hanno avviato l’attività prima del 29 agosto 2017 ed in possesso della licenza fiscale non sono tenuti ad alcun ulteriore adempimento, in forza della piena efficacia della licenza in precedenza rilasciata. Tuttavia, qualora nel periodo di vigenza della soppressione dell’obbligo di denuncia, siano intervenute variazioni nella titolarità dell’esercizio di vendita, l’attuale gestore deve darne tempestiva comunicazione al competente Ufficio delle Dogane al fine di procedere all’aggiornamento della licenza di esercizio.
Da ultimo, per le attività di vendita avviate dal 30 giugno 2019, la Sottosezione 1.10 della tabella A allegata al D.Lgs. 222/2016 dispone che la comunicazione da presentare al SUAP all’avvio della vendita al minuto o della somministrazione di alcolici vale quale denuncia fiscale all’Agenzia delle Dogane. In altri termini, la presentazione della comunicazione preventiva al SUAP, il quale è tenuto alla trasmissione della stessa all’Ufficio delle Dogane, assorbe la denuncia di attivazione ex articolo 29, comma 2, D.Lgs. 504/1995.
Dunque, qualora l’esercente si avvalga del modulo incardinato presso l’autorità comunale, non deve presentare la denuncia fiscale, sempreché la comunicazione sia stata trasmessa dal comune all’Ufficio delle dogane territorialmente competente. In chiusura la direttiva n. 131411/RU/2019 precisa che: alla luce del nuovo quadro normativo, deve ritenersi superata l’elencazione delle fattispecie escluse dalla licenza di esercizio contenuta nella direttiva RU 113015 del 9 ottobre 2017; tuttavia, le attività di vendita di prodotti alcolici che avvengono nel corso di sagre, fiere, mostre ed eventi similari a carattere temporaneo e di breve durata, atteso il limitato periodo di svolgimento di tali manifestazioni, continuano a essere non soggette all’obbligo di denuncia fiscale.
Quanto sopra specificato per evitare “SANZIONI” da parte dell’ Agenzie delle Dogane & dei Monopoli gli esercizi commerciali che vendono alcolici non in regola di denunciare la vendita di alcolici.

Scarica il modello qui.

Il Vice Sindaco

Salvatore Bertino

                                                      torna agli AVVISI                       

© 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.